Viaggi a Zanzibar: le 10 spiagge da non perdere

Tra i tanti luoghi esotici mete di vacanze, pochi godono lo stesso fascino misterioso e l’alone di leggenda che circonda Zanzibar. Quest’isola tropicale dell’Oceano Indiano situata al largo delle coste della Tanzania, stato a cui appartiene, in realtà si chiama Unguja e, assieme a Pemba, costituisce una delle due isole maggiori dell’Arcipelago di Zanzibar, che ne comprende anche un’altra quarantina di minore estensione.

Il mito di Zanzibar come luogo d’incanto e di ricchezze risale all’anno Mille, quando l’isola divenne una delle piazze commerciali più famose sulla favolosa via delle spezie tra l’Oriente arabo, indiano e cinese e l’occidente mediterraneo ed europeo. Oggi l’industria turistica valorizza le tante bellezze naturali e gli incantevoli paesaggi che qui certo non mancano: spiagge da sogno, barrire coralline, natura selvaggia e incontaminata rendono ormai da anni Zanzibar una delle mete di vacanza più accattivanti soprattutto tra la clientela europea. I periodi ideali dal punto di vista climatico per organizzare una vacanza, evitando così le stagioni delle piogge, sono quelli tra fine novembre e febbraio e tra giugno e settembre. Una volta scelto il periodo, il secondo passo nella pianificazione della vostra vacanza è sicuramente quello del confronto tra i prezzi degli Hotel alla ricerca della migliore offerta.

Kizimkazi

Kizimkazi

Se la spiaggia esotica dei vostri sogni è una lunga distesa di sabbia bianchissima e finissima, circondata da palme, affacciata su un mare dalle sfumature azzurro-cobalto, Kizimkazi realizza tutti questi desideri. Situata nella parte sud-occidentale dell’isola, è un lungo litorale dove godere di un completo relax e dove gli amanti della natura in generale e gli appassionati di immersioni in particolare, possono concedersi un’avventura indimenticabile. I pescatori locali organizzano, infatti, escursioni nelle zone in cui si radunano i delfini; sotto la loro guida, è possibile persino nuotare tra questi gioiosi mammiferi. Altrettanto indimenticabili gli spettacolari tramonti sul mare che si possono godere la sera, magari comodamente seduti nei dehors dei vari Hotel, Resort e Lodge della zona.

Nakupenda, Stone Town

Nakupenda-Stone-Town

Photo: laumar

Sulla costa occidentale, Stone Town, dal 2000 Patrimonio dell’Umanità UNESCO, è il centro storico di Zanzibar City, capitale e più grande città dell’isola. Tra gli edifici storici, le strette vie e i bazar qui si respirano le vere atmosfere della cultura nata dal melting pot delle tante civiltà ed etnie (bantu, araba, persiana, indiana ed europea) di cui l’isola è stata il crocevia. Oltre ai tradizionali luoghi di interesse turistico, quali il Palazzo delle Meraviglie, il forte arabo, i bagni persiani di Hamamni e i giardini di Forodhani dove la sera si tiene un particolare e suggestivo mercato notturno con le bancarelle illuminate da lampade ad olio, imperdibile è un’escursione a Nakupenda: una meravigliosa lingua di sabbia bianchissima che appare e scompare secondo i ritmi delle maree. Mare cristallino e calde acque dove nuotare e fare snorkeling tra ricci, conchiglie, stelle marine e pesci multicolori; sulla spiaggia si trovano, invece, i tipici mercati indigeni con la possibilità di gustare freschissime aragoste, crostacei e molluschi.

Prison Island

prison-island-zanzibar

Photo: Jonas Witt

Poche miglia al largo di Stone Town, a cui è collegata tramite alcune imbarcazioni, merita una visita Prison Island. Un tempo base dei mercanti di schiavi della costa, oggi è una meta turistica nota non solo per le candide spiagge dai riflessi abbaglianti e le acque delimitate dalla barriera corallina, ma per essere un angolo di natura incontaminata come testimoniano la presenza di una grande varietà di uccelli e una rara colonia di tartarughe giganti di Aldabra, atollo corallino appartenente all’arcipelago delle Seychelles, la cui origine è ancora oggetto di discussione tra gli studiosi.

Nungwi

nungwi-zanzibar

Photo: Gasti

Situata sulla parte settentrionale, la spiaggia di Nungwi è da molti considerata non solo la più bella di Zanzibar, ma anche di tutto il continente africano. Lungo questo litorale, dove sorge un villaggio di pescatori, lo scenario naturale è tra i più stupefacenti: la spiaggia è bianchissima e soffice come il borotalco, le acque trasparenti azzurro-turchesi. Trovandosi sulla costa Nord, che ha una morfologia differente da quella della parte meridionale dove la spiaggia digrada molto dolcemente in mare, il fenomeno delle maree è meno evidente e ha poca incidenza lungo il corso della giornata. Questa zona, una delle ultime dell’isola a essere interessata dallo sviluppo turistico, è tuttora un’oasi di pace e tranquillità lontana dai grandi flussi vacanzieri, dove poter ancora vivere gli usi e le più vere e tradizionali atmosfere native.

Kendwa

zanzibar

A circa tre chilometri da Nungwi, si trova Kendwa. Le due località sono collegate con una passeggiata di pochi minuti percorrendo una lingua di sabbia che compare durante la bassa marea: un’occasione che, soprattutto all’imbrunire, regala uno scenario naturale multicolore bellissimo. I servizi di ricettività turistica, saggiamente inseriti nel contesto naturale, non hanno intaccato questa zona che è stata preservata in larga parte incontaminata e selvaggia. Con pochi dollari si possono affittare le tipiche imbarcazioni locali e organizzare escursioni lungo la barriera corallina, mentre per tutti il relax è garantito al riparo dei palmeti che circondano questa lunghissima spiaggia di sabbia immacolata.

Paje

Paje-Zanzibar

Photo: beccacantpark

Situata sulla costa orientale di Zanzibar, lontana dai clamori cittadini di Stone Town, si trova Paje, una lunghissima e tranquilla spiaggia di finissima sabbia bianca lambita dal solito splendido mare dai riflessi indescrivibili. La barriera corallina si trova a poche centinaia di metri e durante la bassa marea un’avventura emozionante quanto imperdibile è passeggiare verso di essa circondati dalla varietà di colori offerta da coralli, stelle marine, piccoli pesci e crostacei. Per non rischiare di trovarsi in difficoltà durante questi tragitti o anche eventuali gite in barca e immersioni occorre, però, tenere ben presente che in questa zona l’alternarsi delle maree fa registrare un’ampia escursione. Lungo l’arenile sono presenti bar e locali dove ristorarsi all’ombra delle palme da cocco, mentre la presenza di piccoli alberghi a conduzione familiare e bungalows a pochi passi dalla riva regala soggiorni rilassanti immersi nei soli suoni della natura.

Bwejuu

Bwejuu

Photo: Kent MacElwee

Poco distante da Paje, sul promontorio di Michamvi, si estende il litorale di Bwejuu. Anch’esso molto ampio ed esteso, è uno dei più frequentati della costa orientale. La zona, pur essendo molto ben attrezzata dal punto di vista della ricettività turistica vista la presenza di numerosi Hotel, SPA e Resort, è riuscita a conservare molte delle originarie atmosfere indigene e i ritmi di vita quotidiana dei pescatori locali. Famosa e apprezzata per la bellezza delle sue spiagge, l’area di Bwejuu negli ultimi anni è diventata un importante centro di coltivazione di alghe rosse, impiegate nell’industria alimentare e dei cosmetici. Come sempre, se nuotate o fate snorkeling in questa zona fate attenzione alla marea e, per esser più sicuri, affidatevi ai consigli dei vari centri diving presenti sull’isola.

Mnemba Island

Mnemba-Island

Photo: Shayne Thomas

Una delle località preferite dai sub si trova a Matemwe, sulla costa nord-orientale. Qui si trova il centro diving più importante dell’isola che organizza escursioni nei migliori siti di immersione: tra questi c’è sicuramente Mnemba Island, atollo di circa quattro chilometri quadrati raggiungibile in quindici minuti di barca da Zanzibar. Un vero angolo di Paradiso, dove è possibile nuotare vicino alla barriera corallina a poca distanza da delfini e tartarughe, tra pesci, gorgonie e coralli multicolori. Per i più fortunati, l’atollo dispone di un Lodge dotato di pochissimi bungalow, che qui chiamano banda, per godere di un soggiorno tanto indimenticabile quanto esclusivo.

Jambiani

Jambiani-zanzibar

Photo: Andrea Moroni

Località ancora defilata dai maggiori circuiti turistici, la spiaggia di Jambiani, nella parte sud-orientale, è una delle più grandi in assoluto di Zanzibar: diversi chilometri di sabbia e mare cristallino. Oltre a essere rinomata in tutta l’isola per la cucina a base di pesce del vicino piccolo villaggio di pescatori, è conosciuta anche per i Maviko ya Kamumbi: cumuli fatti di noci di cocco interrati secondo le modalità di una particolare lavorazione volta a ricavarne fibre per la realizzazione di cordami.

Pemba

Pemba

Photo: Shaun Metcalfe

Conosciuta anche come l’Isola Verde, Pemba è la seconda isola per estensione dell’arcipelago di Zanzibar. Famosa per la pescosità del suo mare, è un luogo per veri amanti della natura: lontana da qualsiasi comodità e modernità si è mantenuta intatta e incontaminata nella sua bellezza originale. Un luogo di assoluto fascino e tranquillità, lontano dal turismo di massa, con spiagge da sogno dove si vive secondo i ritmi e condizioni decisi da madre natura.

Comments

comments

Commenti

Non ci sono commenti a questo articolo

Lascia un Commento

Ti potrebbero interessare anche...

8 spiagge in Italia e 2 all’estero per una vacanza da sogno

Per molti l’arrivo dell’estate è sinonimo di una cosa sola: vacanza! E vacanza, a sua volta, fa immediatamente venire in mente infinite distese di sabbia, acque cristalline, sole e tanto relax. Oggi vi proponiamo 10 destinazioni per le vostre vacanze al mare […]

Da Formentera alla Calabria, 10 spiagge stupende per una vacanza al mare

Finalmente siamo giunti al mese di Agosto…in assoluto il Re dell’Estate. Per molti di noi questo mese assume un solo significato: vacanza! Scopriamo allora insieme, la nostra speciale classifica settimanale che premia le foto più cliccate e condivise delle spiagge, […]

Le migliori spiagge di Cayo Largo, Cuba

Almeno una volta nella vita una vacanza a Cuba bisogna farla, meta da sempre affascinante per le sue mille storie legate alla rivoluzione cubana. L’Avana, la città dove Che Guevara, insieme ai rivoluzionari guidati dal capo indiscusso Fidel Castro, conquistò […]

Shares