Le migliori spiagge di La Spezia (Liguria)

La costa che ricade sotto questa Provincia della Liguria è quella più nota ai turisti italiani e stranieri, grazie soprattutto alle Cinque Terre, anche se poi non tutti sanno che rientrano nella giurisdizione di La Spezia. Città singolare che ha rivalutato molto il lato turistico, ampliando l’offerta e puntando sulla promozione delle bellezze locali, del centro, del porto e dei vari borghi incastonati tra le piccole insenature del golfo spezzino.

Lungo il tratto di costa, che alterna scogliere e tratti sabbiosi affacciati su un mare verde-azzurro, di particolare rilievo troviamo le spiagge in direzione Porto Venere, compresa l’isola di Palmaria, piccola oasi di verde oggi parte del Parco Naturale di Porto Venere.

Spiagge di sabbia

Le spiagge di sabbia non sono molte nella Provincia di La Spezia, in genere sono composte da un misto di sassi e ciottoli levigati, belle anche se prive di sabbia, che per molte famiglie può rappresentare un elemento indispensabile, specie con i bambini. Una di queste è quella di Monterosso, un piccolo borgo marinaro trasformato in località turistica per il piacere di moltissimi turisti che in estate si riversano in questo tratto di mare.

La spiaggia di Monterosso è divisa in tre: la più grande e centrale è lunga circa mezzo chilometro, caratterizzata da un grande faraglione sulla spiaggia, le altre due sono ai lati nelle rispettive insenature. Da segnalare, la Spiaggia del Gigante, che prende il nome dalla Statua, e il relativo porticciolo turistico; sabbia dunque e mare incantevole nell’unica, o quasi, spiaggia sabbiosa della Provincia di La Spezia.

Un’altra spiaggia di sabbia è situata sul versante di levante in località Marinella, lunga alcuni km, suddivisa in piccole calette da scogli artificiali e attrezzata. Ottima località per famiglie.

spiaggia-del-gigante-monter

Spiaggia del Gigante, Monterosso al Mare | Photo: ebiggs vancouver

Spiagge libere

Sono ormai davvero poche quelle davvero libere, ma ci sono, tuttavia occorre dire che non sono facili da raggiungere poiché si trovano ai piedi della scogliera. Sono spiagge per chi ama un po’ l’avventura, ma soprattutto la natura e la quiete più assoluta.

Una è la spiaggia di Persico, distante circa otto chilometri da Marola, raggiungibile in auto e poi giù per la scogliera con un panorama che toglie il fiato (consigliamo di fare attenzione perché in alcuni punti la scalinata è ripida). Una volta sulla spiaggia sarà come aver conquistato un piccolo angolo di paradiso. Non è molto ampia, circa 200 metri, composta da sassi e ciottoli, quindi occorre una stuoia, per il resto mare incantevole e fondale da favola.

Canneto è la seconda delle spiagge libere, molto simile a Persico, solo un po’ meno distante da raggiungere a piedi; tuttavia è bene informarsi prima di scendere perché le frane sono frequenti e, quindi, il percorso potrebbe non essere disponibile. La spiaggia è piccola e raccolta, ma quello che vi sbalordirà sarà la quiete assoluta e l’acqua azzurro-turchese limpidissima, ottimo posto per fare snorkeling. La spiaggia è raggiungibile da Riomaggiore nei pressi del punto d’osservazione di Torre Guardiola.

Spiagge private

Sono tante e ben organizzate, ordinate e pulite lungo tutto il litorale di levante, fino al confine toscano. Qui ci sono le più belle spiagge attrezzate con decine di stabilimenti balneari che offrono molti servizi ai bagnanti. Le spiagge più gettonate sono quelle di San Terenzo e, a scendere verso sud, Lerici, Fiascherino e Tellaro, località molto frequentate nei mesi di luglio e agosto dai bagnanti liguri e da tantissimi turisti del nord Europa. In particolar modo, la spiaggia di Lerici, la più grande e centrale dell’abitato, di circa 300 metri, costeggiata dal lungomare di via S. Biaggini.

Spiaggia Punta di Corvo

punta-di-corvo

Photo: il.magico.numero

Spingendoci ancora più a levante, arriviamo al piccolo paese di Montemarcello, posto sulla scogliera, che vanta una vista stupenda che si può ammirare dal punto di osservazione del paese. Da qui inizia il sentiero, non facile purtroppo, per scendere fino alla spiaggia sottostante. È un percorso che si snoda su un dislivello di 260 metri di terreno battuto, con scale fatte con tavole di legno. Come si può immaginare, il panorama scendendo da questa scogliera è fantastico, il tutto ancora ben dominato dalla natura. La spiaggia Punta di Corvo è formata da ghiaia e ciottoli e il mare è di un colore verde-azzurro che si fonde con il verde della vegetazione e il cielo, da vedere.

Spiaggia Guvano

Per chi ama la natura in tutte le sue forme, questa spiaggia è quella più adatta: qui il naturismo è la regola, quindi è bene sapere che in questa spiaggia i bagnanti, in genere, sono nudi. La natura della spiaggia ancora selvaggia si sposa molto bene con quella dei naturisti. Spiaggia Guvano è lunga appena 100 metri, composta da ghiaia e ciottoli, bagnata da un mare azzurro con un fondale che rende sicuramente felice chi ama immergersi. Si può raggiungere a piedi, ma è consigliato andare in treno e scendere alla stazione di Corniglia. Purtroppo non ci sono posti auto, il paese si trova sulla scogliera ed è attraversato da una strada molto stretta, occorre quindi fare qualche chilometro a piedi fino al punto di discesa alla spiaggia. Un po’ faticoso, ma per chi ama la natura ne vale la pena.

Spiaggia di Marola

Altra chicca per i bagni estivi, non distante da Punta Corvo, questa spiaggia ancora al naturale sembra essere stata creata appositamente per i turisti in cerca di privacy e relax, qui se ne trova in abbondanza. Spiaggia di sassolini e sabbia scura, ottima per sdraiarsi e prendere il sole, fondale non molto basso e mare verde limpido. Chi si immerge può ammirare il costone della scogliera e i tanti faraglioni ai lati della spiaggia, ricchissimi di pesci. Dal momento che non è di facile accesso, in quanto alle pendici della scogliera, si consiglia di chiedere un passaggio ai barconi che fanno la spola lungo il litorale partendo da Rocca Grossa, distante circa 600 metri. Altra spiaggia da annotare sul diario delle prossime vacanze, armati di zaino e macchina fotografica.

Baia Blu

baia-blu

Photo: Federica Camera

Il nome, Baia Blu, è indicativo dell’acqua di questa spiaggia, blu e limpidissima come poche altre lungo tutta la costa ligure. È un tratto di costa attrezzato di tutto punto, con stabilimenti balneari, ristoranti e ogni comfort turistico. La spiaggia è formata da ghiaia e ciottoli, il fondale è basso per alcuni metri e si può tranquillamente camminare sul bagnasciuga. È una località tranquilla e la spiaggia non è troppo grande da richiamare folle di turisti. A parte il periodo più caotico, generalmente è molto tranquilla, ideale per rilassarsi e fare una vacanza piacevole godendo di un mare incantato. Il fondale è ricco di vegetazione e, quindi, ci sono molti pesci. Inoltre, il mare è quasi sempre calmo per via delle barriere che delimitano l’area balneabile.

Comments

comments

Commenti

Non ci sono commenti a questo articolo

Lascia un Commento

Ti potrebbero interessare anche...

Le migliori spiagge di Finale Ligure

Pensare alla Liguria raramente evoca immagini con villeggianti sul bagnasciuga e bambini con paletta e secchiello, ed è un peccato perché così ci perdiamo a prescindere l’occasione di una fantastica vacanza in questa Regione. Ne abbiamo già parlato in un […]

Le migliori spiagge italiane del 2014

Come ogni anno, Tripadvisor ha analizzato le recensioni dei viaggiatori di tutto il mondo e ha stilato la classifica delle 10 più belle spiagge d’Italia. Non stupisce trovare la Sardegna presente con ben cinque spiagge, a dimostrazione del fatto che l’isola italiana continua a essere […]

10 spiagge dal mare trasparente (6 sono in Italia)

Torna anche questa settimana la speciale classifica dedicata alle migliori spiagge d’Italia e del mondo, che vi presenta le foto delle località balneari più apprezzate dalla community su Facebook di appassionati di spiaggia. In classifica non possono mancare le belle spiagge […]

Shares